Il blog di Cerro al Lambro e Riozzo

Cerro e Riozzo tutto in un solo blog

Preso il rapinatore

Posted by wivocerro su maggio 27, 2008

da Il cittadino del 27 maggio 2008

Maxi-operazione dei carabinieri di Melegnano, sarebbe stato catturato il rapinatore di quattro banche tra Sudmilano e Lodigiano. Si tratterebbe di un 25enne melegnanese, incensurato e residente al Montorfano, quartiere nella periferia est cittadina. Con lui sarebbe finita in manette anche la convivente, dopo che i militari dell’Arma hanno trovato nel rifugio della coppia una cinquantina di grammi tra cocaina ed hascish. Ma per ora sulla vicenda gli inquirenti mantengono il riserbo più assoluto. Il blitz sarebbero scattato ieri mattina tra le 6 e le 6.15, quando una decina di carabinieri in borghese ha fatto irruzione in un’abitazione di via Monsignor Bianchi, strada seminascosta subito dopo la stazione ferroviaria, che a quanto pare era diventata il rifugio dei malviventi. Il 25enne sarebbe stato incriminato sia per le rapine avvenute nelle banche del territorio che per la droga ritrovata in via Bianchi, mentre alla giovane anch’essa di Melegnano sarebbe stato contestato il solo reato di possesso di sostanze stupefacenti. Nella mattinata di ieri i ragazzi sarebbero stati trasferiti nella stazione dei carabinieri in piazza Volontari del Sangue, mentre per l’intera giornata le forze dell’ordine avrebbero proseguito le indagini e le perquisizioni per completare il mosaico. Il condizionale è d’obbligo, anche perchè gli investigatori sono abbottonatissimi e non lasciano trapelare alcun tipo di dettaglio. Ad ogni modo, il giovane sarebbe accusato delle rapine alle banche di Cerro al Lambro, Vizzolo, Lodivecchio e Caselle Lurani, tutte assaltate tra marzo e aprile in compagnia di un complice, che sarebbe già stato arrestato. Ma gli inquirenti hanno motivo di ritenere che il delinquente melegnanese possa aver colpito anche in altri istituti di credito del territorio. Solo nella mattinata di oggi, comunque, sarà forse possibile sapere qualcosa di più sulla vicenda. Le indagini avevano preso avvio qualche mese orsono, quando i militari dell’Arma hanno iniziato a perlustrare in lungo e in largo il Montorfano. Perché, prima di far perdere le proprie tracce, i rapinatori erano soliti abbandonare le auto usate per assaltare le banche proprio nel bel mezzo del quartiere. Così avevano fatto dopo il raid criminale del 6 marzo ai danni della banca San Paolo di Cerro al Lambro, dove avevano prelevato 5mila euro, e dopo quello del 2 aprile alla Banca dell’Adda di Vizzolo, che aveva invece fruttato 10mila euro. Ma anche le immagini recuperate dalle telecamere delle banche rapinate avrebbe agevolato il compito degli inquirenti, che sono cosi risaliti all’identità del giovane. Dopodiché, è scattata la serie dei pedinamenti, che si è conclusa con la brillante operazione di ieri.Stefano Cornalba

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: