Il blog di Cerro al Lambro e Riozzo

Cerro e Riozzo tutto in un solo blog

Posts Tagged ‘Riozzo’

Corsi per il tempo libero

Posted by wivocerro su febbraio 13, 2008

Fonte il sito del Comune di Cerro al Lambro

Il programma del Corso di Informatica (12 ore) è quello previsto per l’ottenimento della patente europea del computer (Ecdl): Word, Excel, Powerpoint, Internet, Posta elettronica…Il costo è di 65 euro a corsista e comprende l’utilizzo di Pc e Lavagna Interattiva Multimediale, oltre che di tutto l’occorrente.

Il Corso di Inglese (40 ore) si divide in livello base e livello intermedio. Il costo è di 200 euro a corsista ed è propedeutico (il livello intermedio) all’esame di Certificazione per la lingua inglese.

Il Corso di cucina (4 lezioni) si intitola “Al contadino non far saper…” costa 40 euro a persona ed è guidato dal cuoco Marco Cappelletti.

Per ulteriori informazioni e per le iscrizioni tel: 0298204032-3-4

Annunci

Posted in Libero | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un pò di storia: i caduti della prima guerra mondiale

Posted by wivocerro su febbraio 7, 2008

Fonte: il sito del comune di Cerro al Lambro

I caduti Cerresi secondo il linistero della difesa: Nomi, circostanze e luogo della sepoltura.

– Soldato Arieri Angelo. Non si sa nulla di lui. Le ricer­che intese ad accertare il luogo di sepoltura hanno da­to esito negativo.
– Soldato Baiocchi Carlo di Battista, del 1560 reggimen­to di fanteria. Deceduto il 6 agosto 1915 sul monte san Michele. I resti mortali devono ritenersi collocati fra gli ignoti del sacrario militare di Redipuglia (Gorizia).
– Soldato Belli Giovanni Battista, dell’89° reggimento di fanteria. Disperso il 3 giugno 1915 sull’Isonzo. I resti mortali devono ritenersi collocati fra gli ignoti del sa­crario militare di Oslavia (Gorizia).
– Soldato Belli Pietro, del 156° reggimento di fanteria. Disperso il 23 ottobre 1915 sul monte san Michele. I re­sti mortali devono ritenersi collocati fra gli ignoti del sacrario militare di Redipuglia.
– Sergente Bianchi Angelo, dell’89° reggimento di fan­teria. Deceduto il 26 novembre 1915 nell’ospedaletto da campo numero 17. I resti mortali devono ritenersi collocati fra gli ignoti del sacrario militare di Caporet­to.
– Soldato Bianchi Luigi. del 72° reggimento di fanteria. Deceduto il 2 febbraio 1917 sul Carso. I resti mortali risultano sepolti nel sacrario militare di Redipuglia, lo­culo numero 3905.
– Soldato Busetti Giuseppe. Deceduto il 17 luglio 1918 in Austria e sepolto nel cimitero di Aschach, tomba nu­mero 331.
– Soldato Bussetti Carlo, del 3° reggimento alpini. Deceduto il 13 agosto 1918 sul monte Tonale. I resti mor­tali devono ritenersi collocati fra gli ignoti nel sacrario militare del Tonale (Ponte di Legno, Brescia).
– Soldato Casali Cesare, del 1° reggimento del genio. Deceduto il 3 ottobre 1917 sul campo. I resti mortali ri­sultano sepolti nel sacrario militare di Oslavia. loculo numero 418.
– Soldato D’Agnone Luigi. Deceduto in Francia il 15 lu­glio 1918.
– Soldato Ferrari Angelo. Le ricerche intese ad accerta­re il luogo di sepoltura hanno dato esito negativo.
– Soldato Ferrari Luigi, del 212° reggimento di fanteria. Deceduto il 24 agosto 1916 sull’altipiano di Asiago. I resti mortali risultano sepolti nel sacrario militare di A­siago, loculo numero 7298.
– Soldato Generali Pasquale. Non si hanno notizie di al­cun genere.
– Caporale Gorini Santo, del 405° compartimento mi­traglieri. Deceduto il 3 giugno 1917 a quota 2354. Le ricerche intese ad accertare il luogo di sepoltura han­no dato esito negativo.
– Soldato Granata Vittorio, del 207° reggimento di fan­teria. Disperso il 30 giugno 1916 nella Vallarsa. I resti mortali devono ritenersi collocati fra gli ignoti del sa­crario militare del Pasubio (comune Valle del Pasubio, Vicenza).
– Soldato Mariconti Leonardo, del 5° compartimento autieri. Deceduto il 21 novembre 1918 a Curtarolo. I resti mortali risultano sepolti nel sacrario militare di Padova, loculo numero 3010.
– Soldato Mascheroni Carlo, del 26° reggimento di fan­teria. Deceduto il 19agosto 1917 sul Carso. I resti mor­tali risultano sepolti nel sacrario militare di Oslavia, lo­culo numero 9584.
– Soldato Masseroni Ernesto fu Giuseppe, deceduto il 13 marzo 1918 a Sigmunsherberg. Nulla si sa della se­poltura.
– Soldato Masseroni Ernesto Pasquale di Giovanni. Deceduto l’Il marzo a Parva. Nulla si sa della sepoltura.
– Soldato Mollaschi Enrico, dell’89° reggimento di fanteria. Deceduto il 28 ottobre 1915 presso l’ottava com­pagnia di sanità. I resti mortali risultano sepolti nel sa­crario militare di Caporetto, loculo numero 2683.
– Soldato Pesatori Desiderio, del 235° battaglione bom­bardieri. Deceduto il 9 marzo 1919 a Melegnano. I re­sti mortali risultano sepolti nel cimitero comunale di Melegnano.
– Caporale Pisati Carlo, del 3° reggimento di artiglieria da montagna. Deceduto il 28 agosto 1917 sul Carso. I resti mortali risultano sepolti nel sacrario militare di Redipuglia, tomba numero 476.
– Sergente maggiore Ragni Felice. Non si hanno notizie di alcun genere.
– Soldato Rizzi Carlo, del 38° reggimento di fanteria. Deceduto il 14 dicembre 1917 sul monte Grappa. I resti mortali devono ritenersi collocati fra gli ignoti del sa­crario militare di Cima Grappa (comune di Bassano del Grappa).
– Soldato Rossi Rinaldo, del 2° reggimento di fanteria. Deceduto il 17 aprile 1917 sul monte Pasubio. I resti mortali devono ritenersi collocati fra gli ignoti del sa­crario militare del Pasubio (Vicenza).
– Soldato Stroppa Giovanni, deceduto in Austria e se­polto nel cimiero di Marchtrenk, tomba numero 1381.

Posted in Storia | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le associazioni: Avis

Posted by wivocerro su febbraio 1, 2008

Fonte: http://www.comune.cerroallambro.mi.it

Consiglio direttivo
Danelli Gian Franco – Presidente
Rovati Giovanna – Vicepresidente
Fenini Giuseppe – Segretario
Frigo Antonietta – Revisore dei conti
Papetti Alberto – Revisore dei conti
Danelli Gian Luca – Revisore dei conti
Papetti Andrea – Consigliere
Cavallari Rossella – Consigliere
Bragherio Laura – Consigliere
Pellizzola Maria Teresa – Consigliere
Papetti Giacomo – Consigliere

Contatti
Telefonando al n° 0298232432 oppure alla casella di posta elettronica: giacpape@tiscalinet.it

Memorandum del donatore
Di seguito vengono riportate alcune notizie utili da ricordare al momento che si decide di accostarsi alla donazione. (Il donatore sarà comunque ammesso alla donazione solo dopo parere positivo del medico che effettua la visita)

– Almeno 90 gg dall’ultima donazione di sangue per gli uomini e 180 gg per le donne.
– Età tra i 18 ed i 65 anni (dopo i 65 anni, se donatore abituale, a discrezione del medico prelevante). In caso di prima donazione l’età non deve superare i 60 anni.
– Peso: NON inferiore ai 50 Kg; NON soggetto a recente calo di peso.
– Per le donne: NON in gravidanza; NON durante l’allattamento; ad 1 anno dal parto o 6 mesi da aborto;non nel periodo mestruale.
– NO raffreddore. NO allergie acute. 3/6 mesi da intervento chirurgico secondo il tipo (chiedere al trasfusionista).
– 1 anno da contatto stretto con epatici, 5 anni da trasfusioni di sangue.
– NO malattie fegato; NO malattie renali; NO malattie cardiache; NO malattie polmonari (non TBC in fase acuta); NO malattie emorragiche. NO diabete. NO ulcera. NO epatite virale; NO ittero (anche se in età giovanile); 2 anni da brucellosi. NO convulsioni; NO crisi epilettiche.
–  Estrazione dentaria almeno da una settimana (a discrezione del trasfusionista).
– 1 anno da vaccino anti-rabbia. 2 mesi da vaccino anti-vaiolo. 2 settimane da vaccino anti-febbre gialla. 15gg. da vaccino: anti-morbillo, anti-parotite, anti-influenza, anti-tifo, anti-colera, anti-tetano, anti-difterita. 1 mese da vaccino anti-rosolia. 1 mese da siero. 1 anno nei trattamenti con immonoglobuline contro epatite B. 6 mesi da agopunture o che abbiano lavorato in ambienti a rischio (es. emodialisi). 7gg. da trattamento con farmaci contenenti aspirina, 15gg. dall’uso di antibiotici.
– Sono permessi i farmaci anticoncezionali.
– NO malaria (6 mesi dal rientro in zone di endemia purchè asintomatici e non assunzione di farmaci antimalarici, 3 anni da quando sono diventati asintomatici se hanno contratto la malattia; 3 anni da profilassi antimalarica – in questo caso è possibile effettuare solo la donazione di plasma).
– NO omosessuali; NO eterosessuali a rischio. NO tossicodipendenti. NO miopia grave. 3 mesi da tatuaggi se effettuati in centri specializzati.

La legge n°107 del 04/05/90 art.13 riconosce il diritto al donatore di una giornata di riposo, conservando la normale retribuzione per la medesima giornata, anche ai fini della pensione. Ai lavoratori dipendenti che lo richiedono verrà rilasciato un foglio giustificativo per il datore di lavoro, valido per la giornata di riposo collegata con la donazione. In caso non sia possibile effettuare la donazione e/o si eseguano solo esami di controllo sarà rilasciato un giustificativo che copre solo il tempo impiegato per gli esami preliminari

Orari per le donazioni
Le donazioni si effettuano presso l’Ospedale Predabissi dal lunedi al sabato dalle ore 8:00 alle ore 10:00

Orari per la plasmaferesi
Le donazioni si effettuano presso l’Ospedale Predabissi dal lunedi al venerdi dalle ore 10:00 alle ore 11:15 su appuntamento telefonando al numero 0298052427

Soci fondatori dell’avis comunale di Cerro al Lambro il 25 maggio 1976:
-Rossi dr. Piero
-Facchini Giuseppe
-Fenini Giuseppe
-Bertolotti Ermanno
-Danelli Gianfranco
-Oldani Italo
-Oldani Alviero
-Lucchini Livio
-Minoia Gianluigi
-Villa Diomiro
-Villa Aldo
-Rovati Alfeo
-Tognoni Roberto
-Girolimetto Pietro
-Merlo Ennio
-Dallu’ Gianbattista
-Servidati Francesco
-Moroni dr. Attilio (direttore sanitario)
-Anelli Adelio
-Minoia Rino
-Sassi Ivo
-Soffientini Giovanni
-Fugazza Aldo

Posted in Associazioni | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La chiesina di San Rocco: Le origini

Posted by wivocerro su gennaio 31, 2008

LA CHIESA DI SAN ROCCO IN RIOZZO. LE ORIGINI

La nostra storia si apre con due leggende, entrambe frutto di tradizione orale, che legano le origini della chiesa di San Rocco all’altorilievo della Madonna col Bambino, che sovrasta ancora oggi l’altare dell’antico tempio. Nel primo racconto si narra che la scultura di marmo, in viaggio verso Pavia, si trovava in transito nel territorio di Riozzo quando gli animali addetti al suo trasporto non vollero più in alcun modo proseguire il cammino. I riozzesi interpretarono questo come un segno divino e fecero erigere una cappella attorno all’altorilievo.

Una seconda tradizione vuole invece, che la Madonna col Bambino fosse già destinata ad una chiesa in Riozzo, ma che l’ubicazione originariamente pensata fosse all’imbocco dell’attuale via Diaz. Ma la scultura già posizionata nel luogo prescelto, la mattina dei lavori fu trovata miracolosamente in un luogo diverso, proprio dove oggi sorge la chiesa.

Fin qui la leggenda.

L’anno esatto di fondazione della nuova chiesa è ancora sconosciuto. Ma sappiamo che nel XIII secolo secondo il “Liber Notitiae” di Goffredo da Bussero né a Cerro né a Riozzo esistevano chiese.

Il primo documento in cui viene citata una cappella in Riozzo, con l’obbligo di mantenere un cappellano, è del 1517. Si tratta della divisione dell’eredità di Matteo di Lucia de Marliano, spettante ai fratelli Gerolamo, Sasso e Scaramuzza, dove tra le altre cose si scrive di una “casa da gentilhomo dove si abita in Riozzo, dove si dice al castello” che confina con “due parti strada, da un’altra il fosso” dove era “la peschiera vecchia” e infine di un “orto e giardino”.

I proprietari della chiesa erano i Visconti Aicardi. Il capostipite dei duchi di Riozzo divenuti nel corso del ‘600 marchesi, fu Giorgio detto Scaramuzza che trovò il favore di Filippo Maria Visconti che gli concesse l’uso del cognome e dello stemma dei Visconti. Giorgio Visconti Scaramuzza l’8 luglio 1419 acquistò da Giovanni Corvini di Arezzo il sedime nel luogo di Riozzo “ubi dicitur in castro” con il fosso che lo circonda (che nel documento citato del 1517 è diventato la peschiera vecchia), il “rastellum” e all’ingresso un grande torre a tre piani con sovrapposto un torrino.

Ma come si presentava la chiesa in passato?

Sicuramente era più piccola. Infatti sappiamo che negli anni ’30 del secolo scorso fu allungata di tre metri e che anche la facciata fu rifatta completamente durante lo stesso restauro. Quindi una cappella decisamente raccolta e forse utilizzata per seppellire qualche nobile locale visto che sempre durante gli stessi restauri fu rinvenuta sotto il pavimento una tomba.

LE OPERE D’ARTE

In attesa di nuovi studi che facciano ulteriore luce sulla storia della chiesa, soffermiamoci sui dipinti e sulle sculture che abbellivano l’antica cappella e che oggi sono visibili presso la parrocchiale di San Lorenzo.

L’opera più importante è sicuramente la Madonna col Bambino, l’altorilievo che costituisce l’odierna pala d’altare. La scultura in Marmo di 130 cm x 75 cm è fatta risalire al secondo quarto del trecento ed è attribuita al Maestro di Sculture di Viboldone per alcune affinità stilistiche che la accomunano alla Madonna e due santi che trovano posto nella lunetta sopra la porta centrale dell’abbazia di Viboldone.

Altra opera antica è l'”ex voto riocensis populi sancto carolo” che in un recente studio è stata individuata come “Processione di San Gregorio” datata tra il 1584 e il 1610 (rispettivamente anno di morte e di beatificazione del santo). Opera di un pittore Lombardo la tela rappresenta Papa Gregorio che segue in ginocchio un corteo guidato da un’insegna processionale con l’immagine della Madonna col Bambino. Sullo sfondo Castel Sant’Angelo. La scena commemora la solenne processione del’anno 590 per invocare la cessazione dell’epidemia di peste durante la quale vi fu l’apparizione di San Michele arcangelo.

Menzionato già tra gli arredi del 1749 di San Rocco è Il martirio di Santa Eurosia un olio su tela dipinta alla maniera di Cesare Fiori. L’opera va datata posteriormente all’anno 1673, anno di fondazione dell’oratorio di Santa Eurosia alle Fornaci. In basso a destra è ancora ben leggibile l’insegna araldica della famiglia committente: un membro della famiglia Visconti.

Bibliografia

AAVV. L’oratorio di San Rocco. La storia, i tesori artistici, il contesto socioeconomico, Proloco di Cerro al Lambro 1998

G. Pettinari, G. Gerosa Brichetto, Cerro al Lambro. Memorie antiche

Il tesoro dei poveri. Il patrimonio artistico delle istituzioni pubbliche, di assistenza e beneficenza (ex ECA di Milano), Silvana Editoriale, 2001

Posted in Storia | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Acqua pulita per le cascine

Posted by wivocerro su gennaio 30, 2008

Fonte: il cittadino del 19 gennaio 2008

Cerro Acqua più pulita per tutti. Mancano solo pochi metri al traguardo di un sistema idrico più sicuro per Cerro al Lambro. Con la realizzazione del nuovo progetto, saranno collegate all’acquedotto pubblico tutte quelle cascine dove era stata rilevata la presenza di sostanze nocive. Il piano è stato interamente finanziato da regione Lombardia ed è in corso di attuazione da parte di Cap Gestione spa. L’impegno di spesa stimato è di 109.217 euro (compreso il costo dell’Iva al 10 per cento). Il cantiere è già avviato e ormai in dirittura di arrivo. Definito di somma urgenza, tanto che aveva costretto anche il primo cittadino Dario Signorini (in data 18 ottobre 2007) a firmare un’ordinanza sindacale, per inibire all’utilizzo dei pozzi privati per scopi potabili umani e zootecnici, il provvedimento adottato dalla giunta prevede una serie di opere per estendere la rete pubblica dell’acqua. Elaborato dal Cap Gestioni, l’intervento è suddiviso principalmente in tre lotti di lavori. Il primo prevede condotti per unire le cascine Leona, Colombarolo, Abbazia e Osteria Cascinette. Si tratta della realizzazione di un’estensione di 1.206 metri, che comprende tra le opere scavi interni, ripristini di terreno e uso di materiali speciali (costo 59.471 euro). Il secondo invece collega alla cascina Gazzera (Fratelli Montana e Fratelli Gavioni), per un allungamento delle conduttore di 2.646 metri. Il programma del cantiere comprende perforazioni teleguidate, per l’attraversamento della strada provinciale, scavi interni e relativi ripristini di materiale (costo 29.810 euro). Infine il terzo lotto riguarda l’insediamento Fratelli Comparin, con un completamento della rete (in particolare dall’acquedotto di Casaletto Lodigiano) di 385 metri (spesa preventivata 20.985 euro). «Il progetto, interamento finanziato da regione Lombardia e che ha richiesto il nostro impegno, consente di mettere in sicurezza l’approvvigionamento idrico di diverse cascine del territorio comunale, nei cui pozzi privati erano state riscontrate alcune infiltrazioni nocive», ha rassicurato Salvatore Audino, assessore ai lavori pubblici dell’amministrazione comunale.M. Br.

Posted in Notizie dal territorio | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Calcio Femminile: la Riozzese oggi a torino con diretta radio su Internet

Posted by wivocerro su gennaio 26, 2008

Fonte: Il Cittadino del 26 gennaio 2008

Calcio – Serie A femminilen Oggi alle ore 14.30
La Riozzese a Torino in diretta via internet

Riozzo Dopo la prevedibile batosta di sabato scorso contro il Bardolino (6-0 per le venete il risultato finale), la Riozzese è chiamata subito a un’altra difficilissima sfida. Oggi pomeriggio le rosanero (settime a 15 punti) se la vedranno infatti con il Torino (inizio gara alle ore 14.30), attualmente al terzo posto in classifica con 22 punti, a 9 lunghezze dal Bardolino capolista. Sarà una trasferta che la Riozzese dovrà affrontare con la massima concentrazione dopo gli strascichi polemici della gara di andata quando l’allenatore granata Giancarlo Padovan (ex direttore di Tuttosport) a fine partite sfogò tutta la sua rabbia per una rete, quella di Tatiana Bonetti che regalò al 91’ la prima storica vittoria in Serie A alla squadra di Lanzani, contestata dal Torino per via di una giocatrice a terra.In casa Riozzese c’è però voglia di provare a ripetere l’impresa dell’andata e riscattare così la sconfitta di sabato scorso, come conferma il vicepresidente Roberto Tognoni: «Sappiamo benissimo che sarà una partita molto difficile – afferma il dirigente rosanero – però vogliamo provarci con tutte le nostre forze». Purtroppo la squadra non potrà essere al completo e questo per una formazione come la Riozzese è un grosso guaio, soprattutto in determinate gare: «Mancheranno sicuramente Valeri e Carpino, senza contare chi non abbiamo da inizio stagione come Biliato, Pignedoli e Piazzolla, mentre potrebbero recuperare Lanzani e De Vincenzo». Tognoni preferirebbe che la gara con il Torino non avesse più code velenose: «Dopo la partita di andata – continua il vicepresidente della Riozzese – il clima era piuttosto teso e anche le parole di Padovan (“Verranno a Torino…”, ndr) non sono state molto distensive. Comunque mi auguro che sia una partita tranquilla: noi dovremo tirare fuori tutto quello che abbiamo, pur in una situazione di emergenza».Oltre a Torino-Riozzese, il programma della 13esima giornata prevede Reggiana-Atalanta, Torres-Chiasiellis, Tavagnacco-Fiammamonza, Milan-Firenze e Bardolino-Trento. In classifica guida il Bardolino con 31 punti seguito dalla Torres con 28. Da oggi sarà possibile ascoltare la diretta delle partite collegandosi al sito http://www.divisionecalciofemminile.it.
Andrea Grassani

Posted in sport | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le associazioni (1): Argentoivo

Posted by wivocerro su gennaio 24, 2008

Apriamo oggi una finestra sulle associazioni del territorio. La fonte è il sito del nostro comune. La prima associazione di cui ci occupiamo è Argentovivo che ha la sua sede presso il parco di Cerro al Lambro

L’associazione “ARGENTOVIVO” è nata nel marzo del 2002 a cura di un gruppo di residenti del comune di Cerro al Lambro, con l’intento di occuparsi delle persone della Terza Età che, dopo una vita di lavoro, si trovano in solitudine ed emarginazione.
L’intento è di aiutare queste persone, a migliorare la qualità della loro vita, coinvongendole in attività di socializzazione e di aggregazione di vario genere. Vengono organizzate visite guidate, gite, intrattenimenti, incontri musicali, di poesia, conferenze, mostre ed altro.
Per quanto concerne l’attività sociale si effettua servizio di trasporto ed accompagnamento di persone bisognose ad accedere agli ambulatori ed ospedali in collaborazione coi servizi sociali del Comune di Cerro al Lambro.

Responsabile:
Sig. Minoia Gianfranco (presidente)

Comitato Direttivo:
Anelli Adelio, Braccini Anna, Confalonieri Gabriella,Dallù Battista,Giacai Rosanna, Lazza Massimo, Merli Giovanni, Rè Giuliano.

Area di intervento: Anziani
Aggregazione sociale e valorizzazione del tempo libero

Attività e servizi forniti:
Attività socio ricreative e culturali, gite,visite a musei, incontri dibattito, momenti conviviali, accompagnamento anziani.

Strutture utilizzate:
Locali comunali (saloncino mq.60 di prossima consegna), occasionalmente locali parrocchiali.

Sede:
presso il parco di Cerro

Orari di apertura:
Lun. Giov. Sab. dalle ore 15 alle ore 17

Posted in Associazioni | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cerro al Lambro: in appalto la nettezza urbana

Posted by wivocerro su gennaio 21, 2008

Va in appalto il servizio di nettezza urbana del comune di Cerro al Lambro. Nelle scorse settimane è stato esposto in municipio l’avviso di gara, con i dettagli tecnici della procedura d’asta. Le offerte dovranno pervenire al protocollo del comune entro il termine del giorno 7 febbraio, alle 12. L’importo di base è di 639mila euro, che prevede una durata dal primo aprile 2008 alla fine del 2010. In particolare l’impresa che si vedrà aggiudicare l’opera, dovrà occuparsi della pulizia del suolo pubblico e servizi di igiene urbana. L’apertura dei plichi avverrà il giorno 11 febbraio presso l’aula consiliare, con il conseguente esame della documentazione ai fini dell’ammissibilità all’appalto. Terminata tale fase, si proseguirà con il sorteggio del 10 per cento dei concorrenti ammessi, come previsto dalla normativa, per la verifica dei requisiti di capacità economica e finanziaria, oltre che tecnica e organizzativa (il sorteggio non avverrà, poi, se le proposte ammesse sono inferiori a cinque). Solo invece in data 6 marzo, sempre in comune, si provvederà all’apertura delle buste con le offerte economiche per l’appalto. E come previsto dalla disciplina si terrà conto dell’offerta più vantaggiosa sia dal punto vista economico, sia per modalità di gestione. Rispettivamente, per entrambi i requisiti, saranno assegnati 45 punti per il prezzo e 55 per la modalità di gestione del servizio. L’amministrazione ha anche fissato un limite temporale per la richiesta della documentazione per partecipare alla gara, che dovrà essere inoltrata non dopo il 5 febbraio. Nei prossimi mesi quindi si conoscerà il nome dell’impresa, che per il triennio 2008-2010 si occuperà della nettezza urbana nel paese di Cerro e nella vicina frazione di Riozzo. Si tratta di un incarico importante, che l’assessore alla manutenzione e servizi pubblici della giunta, Salvatore Audino ha seguito da vicino, con l’elaborazione del capitolato speciale d’appalto che riporta nel dettaglio le attività da svolgere secondo contratto. «L’obiettivo è mantenere i risultati di una gestione davvero ottimali, per questo abbiamo richiesto con il capitolato anche il progetto tecnico, per evitare di limitare la selezione ai ribassi d’asta», ha spiegato.

Il cittadino di sabato 19 gennaio 2008

Posted in Notizie dal territorio | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Altre antenne a Cerro?

Posted by wivocerro su gennaio 19, 2008

Cerro Definito il piano di localizzazione d’impianti di telefonia radiomobile. L’esecutivo comunale ha individuato due aree, una nel frazione Riozzo e l’altra nel paese di Cerro al Lambro, per la posa di stazioni radiobase. Si tratta di due zone ai margini del centro abitato che potranno vedere in futuro la sistemazione di tralicci per i collegamenti telefonici. «È un provvedimento che avevamo previsto da tempo che individua alcuni spazi per la realizzazione di antenne – ha spiegato il vice sindaco del comune, Milena Rossignani -. La scelta, anche a tutela della cittadinanza, è stata operata seguendo il criterio di selezionare alcune aree lontane il più possibile dall’abitato. Così sono stati individuati due spazi decentrati. In più il provvedimento serve anche a permettere all’amministrazione di non trovarsi impreparata nei confronti di richieste future d’insediamento da parte di gestori di telefonia». In giacenza a Cerro c’era già una domanda di Telecom Italia, società con la quale è in corso una procedura per giungere alla soluzione più idonea per l’installazione di un’antenna radio. In merito a tale pratica, lo stesso vice sindaco ha fatto sapere che per ora non c’è ancora nulla di ultimativo, anzi non è ancora stato stipulato alcun contratto di locazione. «Con buona probabilità, gli impianti non verranno nemmeno installati nei prossimi mesi. Credo infatti che sia necessario altro tempo per effettuare verifiche e continuare nella fase di approfondimento con l’azienda», ha asserito Rossignani. Intanto la giunta ha dato il via libera a un testo che traccia le linee di piano per il futuro, con la stesura di un documento che per il territorio comunale riserva, solo in caso di richiesta, due zone per le antenne di telefonia. Nel rispetto delle esigenze della cittadinanza, oltre che nella verifica e garanzia di copertura del segnale. Sono state circoscritte, una, nella zona artigianale di Riozzo e, l’altra, in un terreno quasi al confine del comune. Matteo Brunello

Da Il Cittadino del 18 gennaio 2008

Posted in Notizie dal territorio | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fotografie di Cerro al Lambro, Riozzo e alcune cascine

Posted by wivocerro su gennaio 17, 2008

Fonte: http://www.provincia.milano.it/area_metropolitana/comuni_rete/gallery.html?idComune=54

Autore:
Archivio dello Spazio – Marco Scarpa

e Luciano de Giorgio di Gorgonzola

La chiesa di San Rocco, Riozzo e il Podere Grande, Riozzo

La chiesa di San Rocco Podere Grande, Riozzo

La roggia Carpana e l’abside della chiesa di san Giacomo, Cerro al Lambro

Roggia Carpana Chiesa San Giacomo, abside, Cerro al Lambro

Piazza Roma e la chiesa di San Giacomo, Cerro al Lambro

Piazza Roma, Cerro al Lambro Chiesa di San Giacomo, Piazza Roma, Cerro al Lambro

La cascina Gazzera, Cerro al Lambro e la la chiesa di San Rocco, Riozzo

Cascina Gazzera Chiesa di San Rocco, Riozzo

La chiesa di San Lorenzo Martire, Riozzo

Chiesa di San Lorenzo Martire, Riozzo

Posted in Cultura Cerro al Lambro | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »